• teaser1

     

  • teaser2
  • teaser3

FACENDO ALTRO

RASSEGNA “SINGOLARE E PLURALE”: SI INAUGURA A PALAZZO BAROLO LA MOSTRA “FACENDO ALTRO”

Fotografia, scultura, pittura, video e installazioni sono i contenuti della mostra “Facendo altro” ospitata negli spazi espositivi del Polo delle Arti Relazionali e Irregolari – Pari - di Palazzo Barolo e Housing Giulia, dall’11 maggio al 16 giugno 2019, nell’ambito della rassegna “Singolare e Plurale”, nata dalla lunga collaborazione fra Città di Torino, Assessorato al Welfare, e l’Opera Barolo per la promozione di iniziative culturali e progetti di ricerca che abbiano al centro le arti intese come motore di cambiamento, crescita personale, salute pubblica e welfare culturale e di comunità.

Nei grandi saloni del Polo delle Arti Relazionali e Irregolari sono presentati aspetti inediti o poco conosciuti di donne e uomini che conducono o hanno condotto pratiche artistiche parallele (talvolta convergenti) all’attività professionale ufficiale attraverso un’indagine antropologica, filosofica, psicologica e artistica. L'arte come necessità ineluttabile, prerogativa riconosciuta a outsider e irregolari, persone talvolta con disagi conclamati di vario genere, è invece un argomento poco esplorato rispetto a persone che conducono vite “normali".

La mostra “Facendo altro” - curata da Tea Taramino, Gianluigi Mangiapane e Cristina Balma Tivola - è un'iniziativa intergenerazionale che vede direttamente coinvolti molti professionisti, della cultura ufficiale e del mondo del lavoro, anche in veste di insospettabili artisti ever green, tra questi un ultracentenario tutt'ora attivo. L’ingresso è gratuito.

L’esposizione si snoda in due

Palazzo Barolo con ingresso da via Corte d’Appello 20, Bottega del Sarto, via Giulio 27. Negli spazi dell’Housing Giulia, in via Francesco Cigna 14/L, si può assistere a una performance di poesia.

Fanno parte della rassegna “Singolare e Plurale”: la mostra “Facendo altro”, i laboratori, le visite guidate, le presentazione di libri, le performance, i seminari e gli incontri sulle relazioni fra arte e società, arte e scienza, arte e salute con il contributo di esperti di diverse discipline. Tra i tanti appuntamenti in programma e disponibili sul sito web www.facendoaltro.it , giovedì 6 giugno dalle 9,00 alle 13.30, nel Salone d’Onore a Palazzo Barolo, si terrà il convegno “Creatività, arte del vivere” a cura dell’International Association for Art and Psychology (IAAP), Sezione piemontese.

PERCORSO ESPOSITIVO

Il percorso espositivo da Palazzo Barolo continua all’interno della bottega del Sarto Pittore e offre al visitatore uno spaccato storico, a volte visionario, di strategie creative, sociali e personali, attivate dal desiderio di andare oltre la condizione lavorativa, umile o elevata che sia, alla ricerca della bellezza e della comunicazione. Energie e resilienze, di donne e uomini, una straordinaria testimonianza di capacità di azione e immaginazione che attraversa circa un secolo.

Al piano terra di Palazzo Barolo, negli appartamenti affrescati dal Legnanino, la sezione fotografica si apre con una visione del mondo contadino, Langhe inizio secolo, con gli scatti del postino fotografo Lorenzo Foglio e gli odierni frammenti di natura da intravvedere nelle macchine per la visione di Fiorenzo Rosso, risicoltore artista.

Il mondo delle lotte dei lavoratori degli anni '70/80 è rappresentato da Raffaele Santomauro, operaio fotografo, con immagini in bianco e nero e da Pietro Perotti, operaio videomaker, con sequenze video tratte da manifestazioni.

Le foto urbane e metafisiche di Tilde Giani Gallino mostrano il lato psicologico della fotografia, mentre la documentazione del progetto L'arte di Fare la differenza, sul lavoro fra artisti emergenti e artisti dei centri diurni, è di Ivo Martin, impiegato pubblico nei servizi sociali e fotografo.Nei vasti meandri delle Cantine - in un percorso che si snoda fra labirintiche architetture sotterranee e diversi media artistici – si possono vedere le trasfigurazioni informatiche della fotografia di Fausto Manara, psichiatra; gli ambienti di Monica Lo Cascio, dirigente welfare e le cianotipie di Beppe Melchiorre counselor; una slide show con ironiche elaborazioni grafiche in 3D dello scienziato Tullio Regge. L’itinerario artistico continua con un accostamento fra differenti astrazioni pittoriche, materiche o gestuali di Piero Ferroglia, artista e commerciante, di Giovanni Mangiacapra, ex impiegato ASL e di Teresio Polastro, disegnatore tecnico. Seguono i giochi di colore in movimenti creativi in analisi di Daniela Gariglio, micropsicoanalista; le composizioni concettuali di Andrea Cordero, curatore ex insegnante e quelle di riciclo giocoso di Guido Gulino, ex dirigente pubblico. Nei vasti meandri delle Cantine - in un percorso che si snoda fra labirintiche architetture sotterranee e diversi media artistici – si possono vedere le trasfigurazioni informatiche della fotografia di Fausto Manara, psichiatra; gli ambienti di Monica Lo Cascio, dirigente welfare e le cianotipie di Beppe Melchiorre counselor; una slide show con ironiche elaborazioni grafiche in 3D dello scienziato Tullio Regge. L’itinerario artistico continua con un accostamento fra differenti astrazioni pittoriche, materiche o gestuali di Giovanni Mangiacapra, ex impiegato ASL e di Teresio Polastro, disegnatore tecnico. Seguono i giochi di colore in movimenti creativi in analisi di Daniela Gariglio, micropsicoanalista; le composizioni concettuali di Andrea Cordero, curatore ex insegnante e quelle di riciclo giocoso di Guido Gulino, ex dirigente pubblico.

Immersive le opere dell'artista, ex psicanalista Julien Friedler, o l'installazione del giornalista gallerista Silvano Costanzo. Suggeriscono complessi percorsi, dello sguardo e della mente, sia le sculture policrome del restauratore scultore Fabrizio Roccatello, sia le analisi pittoriche della forma e del colore di Francesco De Bartolomeis, emerito docente di pedagogia e pittore, e di Pino Chiezzi, ingegnere pittore.

I manifesti e i fumetti politici del ferroviere disegnatore Carlo Minoli, ci riportano a storie vere, mentre i personaggi da Mondo Babonzo: il Museo delle Creature Immaginarie - ideati da Altan e Stefano Benni con Pietro Perotti - come le marionette della tradizione slovacca di Maja Strakova, psicologa, ci trasportano in modi fantastici dove l'immaginazione vive di rispetto per l'ambiente, di curiosità e di empatia.

Figure dalle diverse sfumature simboliche sono le pitture di Saro Puma, ex infermiere, i disegni di Maresa Pagura, educatrice e di Giuliana Ravaschietto, insegnante, mentre le pitture del sarto Antonio Corapi mostrano gallerie di vita, di corpi, di donne, di uomini, di Santi. Giuseppe Iacopetta, barbiere artista, con le sculture in cartapesta ci parla di mani che sanno dar forma alle idee. Un doppio segno, invece, esprime la collaborazione fra Roberta Di Chiara e Claudio Lia, curatrice e pittore, entrambi agenti di polizia.

I visitatori saranno accompagnati dallo staff di assistenti di sala e di mediatori culturali costituito grazie al progetto Condurre, l’iniziativa che sperimenta nuove opportunità di accessibilità e formazione al lavoro di persone con fragilità, studenti, volontari dell’associazione Volo2006 e del Servizio Civile. Collabora alla riuscita dell’evento uno staff di assistenti di sala e di mediatori culturali costituito grazie al progetto Condurre, un’iniziativa pilota ideata dalle associazioni Artenne e Forme in bilico, nata dalla collaborazione con il Gruppo formazione lavoro dell’Asl Città di Torino, e la cooperativa sociale Chronos. Sono coinvolte persone con fragilità, volontari di ogni età e giovani studenti in un percorso di apprendimento, inclusivo e monitorato, che consente loro di sperimentare nuove opportunità di accessibilità e formazione al lavoro come assistenti di sala, aiutanti per i laboratori e guide per il pubblico. Palazzo Barolo, edificio del Seicento, è un luogo ideale sotto il profilo educativo poiché offre la possibilità di un approccio diretto alla cultura artistica attraverso la collaborazione alla realizzazione dei numerosi eventi che vi sono ospitati e l’accessibilità dei diversi spazi, grazie alla mancanza di barriere architettoniche.

La rassegna Singolare e Plurale”, iniziativa della Città di Torino e Opera Barolo, curata da Artenne e Forme in bilico con il sostegno di Fondazione CRT, è un’opportunità per non perdere il filo di quanto avviene in città, in regione, in Italia e nel mondo, per mantenere attiva l’ampia rete costruita, nel tempo, fra Comune di Torino, Opera Barolo, scuola, università, fondazioni, dipartimenti educazione dei musei, associazioni e cooperative sociali E’ un progetto che fa emergere e valorizzare le qualità nascoste dell’espressione artistica e culturale prodotta da minoranze sociali con fragilità e senza voce autonoma - persone con disabilità, anziani, pazienti psichiatrici - dando impulso alla costruzione di un welfare di comunità attraverso la continuità delle occasioni di cittadinanza attiva e di inclusione sociale per le persone a rischio di emarginazione.

PER INFORMAZIONI

www.facendoaltro.it - This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

PER ISCRIZIONI A VISITE GUIDATE E LABORATORI

www.artenne.it - This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. - https://forms.gle/84fFvUDaVPuzxMFu5SEDI E ORARI

Palazzo Barolo, ingresso via Corte d'Appello 20

mercoledì | giovedì | venerdì: 10 -12.30 ; 15 -17.30; sabato | domenica: 15 -18. 30 - (www.operabarolo.it )

Bottega del Sarto Pittore, via Giulio 27

mercoledì | giovedì | venerdì: 10 -12; 16-17

Housing Giulia, via Francesco Cigna, 14/L - (www.housinggiulia.it )

vedi il programma degli eventi

EVENTI IN COLLABORAZIONE: Città di Torino Divisione Servizi Sociali Servizio Disabilità: InGenio e Laboratorio La Galleria, Centro Arte Singolare e Plurale; La Rete In Movimento - Città Sane; Opera Barolo; MUSLI - Museo della Scuola e del Libro per l'Infanzia - Fondazione Tancredi di Barolo; Università degli Studi di Torino; ASL Città di Torino; gruppo di ricerca Making Sense; Accademia Albertina di Belle Arti di Torino; Primo Liceo Artistico di Torino; Centro Arti Terapie Lecco; Associazioni: Artenne, Fermata d’autobus Onlus, Forme in bilico, Futurino, International Association for Art and Psychology” (IAAP) sez. torinese, Legal@rte, Linea d'acqua, Outsider, Passages, Tactile Vision, Ulisse e Volonwrite, Volo2006 di Torino, Giulia Falletti di Barolo, Barolo (CN), Spirit of Boz/Julien Friedler di Bruxelles, MY@VY Italia / Slovacchia; Cooperative Sociali: ArtePura / Chronos / Consorzio RISO, Esserci e Accomazzi, P.G. Frassati e Nuova Vita di Torrazza P.te (To); Impresa Sociale Co-abitare di Torino; Fondazioni: Medicina a Misura di Donna e Fitzcarraldo di Torino, Bottari Lattes di Monforte d'Alba (CN).

Torino, 9 maggio 2019Maria Continisio Gabinetto della Sindaca Ufficio Stampa Giunta Comunale piazza Palazzo di Città 1 10122 Torino tel. +39. 011/011.22360 mobile +39349/4162665 This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. www.torinoclick.it

Comunicato stampa

SEDI E ORARI Palazzo Barolo, ingresso via Corte d'Appello 20

mercoledì | giovedì | venerdì: 10 -12.30 ; 15 -17.30; sabato | domenica: 15 -18. 30 - (www.operabarolo.it)

Bottega del Sarto Pittore, via Giulio 27

mercoledì | giovedì | venerdì: 10 -12; 16-17

Housing Giulia, via Francesco Cigna, 14/L - (www.housinggiulia.it )

logo

loggo-soqquadro   logo del gallo   logo Ramaglia  loghi-DoloresArt-Laboratory-e-Palazzo-Viti  logo cafeina     banca-etica1     logo Connessioni Culture Contemporanee     logo-facebook     

 

We have 30 guests and no members online