Take a look at the Warp5 framework!
Stampa
PDF
Ott
03

Sturm und Drang

6 - 27 Ottobre

 

 

thumb_Sturm_and_Drung
Galleria fotografica a cura di Daniele Veneri


CASTEL NUOVO MASCHIO ANGIOINO Sala Carlo

 

STURM UND DRANG, TEMPESTA E IMPETO
testo di Marco di Mauro 

Il Maschio Angioino, un luogo che ha significato orrore e violenza, sfarzo e rovina, accoglie la mostra personale di Giovanni Mangiacapra, artista napoletano che opera dagli anni ’70 nei liberi territori dell’informale, seguendo un percorso del tutto autonomo rispetto ai protagonisti di questa corrente. Fulcro dell’esposizione è una monumentale installazione di tre metri d’altezza, intorno alla quale si potrà visionare una serrata selezione di dipinti informali su vari supporti, nonché tre  sculture totemiche in legno.

1 arte 2010 scultura  pedane     SturmDettagli-totem

 

Il tema della mostra è l’impeto delle passioni, la forza dello spirito che travolge l’uomo e lo trascina ai limiti della razionalità, come nel “Werther” di Goethe, che riconosce nel sentimento la forza predominante dell’uomo. Lo stesso procedimento pittorico di Giovanni Mangiacapra, basato sull’improvvisazione, l’assenza di una logica compositiva, il libero fluire dei segni in uno spazio percepito come campo d’azione, rimanda idealmente al flusso di coscienza goethiano.

 

DRANG_spazi-bianchi

 

La pittura di Giovanni Mangiacapra è materia viva, pulsante, organica: il corpo fluido della pittura che scorre sulla tela, sospinta da una passione incontenibile, ritrova la sua anima nella luce che penetra nei pigmenti e svela profondità inaspettate. L’artista aggredisce la tela con impulsività, stende il colore con robuste pennellate che lasciano la superficie ruvida, fitta di concavità e sporgenze come il terreno appena arato, ma pronto ad accogliere il seme della vita. I suoi dipinti informali sono paesaggi interiori: nelle rughe, nei cretti, nelle increspature della superficie pittorica si intuiscono i moti interiori, gli stati d’animo che l’artista, inconsciamente, riversa sulla tela. Allora la pittura si fa spessa e grumosa, proiettando in superficie un incontrollato flusso emotivo che, al pari di un’eruzione vulcanica, rimuove ogni traccia dell’esistente. Quel flusso emotivo, fuso e amalgamato nell’irruenza delle pennellate, non soggiace alle regole compositive eppure giunge a un nuovo senso della composizione, fondato sulla genuina corrispondenza tra il segno e l’emozione che l’ha generato. La preponderanza dell’energia che transita dall’artista verso la tela non sitraduce in una messa in posa, ma in una precipitosa corsa verso l’ignoto, verso quelle profondità che spesso l’uomo ha paura di toccare.

 

 

La medesima tensione è presente nelle tre sculture totemiche, composte da tasselli di legno che implodono entro la struttura che li contiene. La tensione insita nella struttura viene sottolineata dalla sua forma verticale e ascendente, che rinvia, concettualmente, ai totem dei nativi americani.

In alcune opere recenti, tuttavia, si legge il tentativo di stemperare i propri umori in una pittura più meditata, meno impulsiva. Il ritorno alla linea retta, orizzontale o verticale, è sintomo di una ritrovata stabilità, un ritrovato equilibrio interiore che si riflette anche nella liquidità del colore, nitido e lucente. In antitesi alla stesura informale della serie “Sturmer”, indifferenziata nell’ampiezza delle tele caoticamente percorse dai segni colorati, lo spazio della vita e delle passioni, nella serie “Erbauer” Giovanni Mangiacapra propone uno spazio di serena concentrazione emotiva, di uniforme luminosità, ordinato e sereno in una definizione quasi architettonica, a rappresentare uno stato di equilibrio raggiunto. E il nostro ricordo corre a Mark Rothko o a Franz Kline, protagonisti dell’espressionismo astratto, che dall’America sbarcò in Europa grazie al canadese Jean-Paul Riopelle.

 

DRANG_ttit-voli

 

Tra le opere ultime, una posizione di rilievo va assegnata alle tele monocrome, interamente giocate sui toni del bianco, che si lasciano permeare dalla luce naturale, fonte inesauribile di energia. Nondimeno si segnala la serie di tele con inserti di carta da parato, nelle quali l’irruenza della pittura travolge gli esili brani di decorazione stampata. La carta da parato, tuttavia, non annega nella tempesta pittorica, anzi stabilisce un dialogo con essa: così la vita rifluisce nell’arte e l’arte nella vita, realizzando quel connubio arte-vita che gli artisti inseguono da secoli.

 

DRANG_parato-armonia

 

La mostra è inserita negli eventi della Giornata del Contemporaneo 9 Ottobre 2010
indetta dall’ A.M.A.C.I. Ass. Musei Arte Contemporanea Italiani  www.amaci.org

orari:  9.00-19.00
chiuso la Domenica 

N.B. I varchi sono adeguati per consentire l'accesso ai portatori di handicap.

info: Piazza Municipio - 80133 Napoli  Segreteria Tel. 081 7955877

 

locandinaCarloVback

 

Il Mattino: "Segni materici, memorie, sovrapposizioni di piani differenti geometrici realizzati attraverso impressioni coloristiche. Le opere di Giovanni Mangiacapra - in mostra da stasera ore 17 alla sala Carlo V di Castel Nuovo - rappresentano elementi sparsi di una sua segnaletica emozionale. Il tema principale della personale, intitolata «Sturm und Drang» e che sarà presentata da Marco di Mauro, è l’impeto delle passioni, la forza dello spirito che travolge l’uomo e lo trascina ai limiti della razionalità. Una monumentale installazione di 3 metri d’altezza intorno alla quale si situa una selezione di dipinti informali e due sculture totemiche in legno, accoglierà i visitatori in un viaggio interiore. Il linguaggio espressivo di Mangiacapra, che inizia la sua attività artistica negli anni ’70 e che approda dopo varie sperimentazioni ad un’interpretazione personale dell’informale, è frenetico e retto da una profonda, rigorosa e severa spiritualità. Tracce di paesaggi, silhouette di oggetti familiari, segnali direzionali, piani intersecati tra loro sono resi come microstorie poetico-visive, quasi frammenti e testimonianze di un racconto a puntate. L’artista arriva a una sintesi espressiva in cui i colori si sensibilizzano, le forme sono messe in crisi lasciando spazio a presenze materiche, creando uno spazio controllato e rigoroso sul piano formale ma anche suggestivo e intimista. Mangiacapra prima di dipingere osserva attentamente la natura per scandagliare, attraverso un’attenta sintesi, l’ordito entro cui muoversi creativamente. E con le sue opere offre un punto d’incontro tra razionalità ed emozione che apre una nuova forma di dialogo tra realtà e finzione, tra l’artista e chi guarda. La mostra, inserita nel calendario della Giornata del Comtemporaneo, sarà visitabile fino al 27 ottobre." Daniela Ricc"